ADI SEMINARIO INTERNAZIONALE “RINASCIMENTO DELL’ISTRUZIONE. Costruiamo il futuro” Bologna 28-29 febbraio 2020

Quello che si svolgerà a Bologna il 28 e 29 febbraio 2020 sarà un seminario internazionale come nessun altro! Saranno presenti relatori provenienti da 4  continenti: 1. l’Europa  con il Portogallo, la Finlandia, la Danimarca, l’Inghilterra, la Francia e naturalmente l’Italia, 2. l’Asia con la Cina  (Shanghai) e l’India  (Nuova Delhi), 3. l’America con gli Stati Uniti  (San Francisco e New York), 4. l’Oceania con la Nuova Zelanda (Auckland).

A  connetterli globalmente sarà l’idea di un nuovo  Rinascimento dell’istruzione, un’educazione ispirata al modello umanistico-rinascimentale del sapere: un’avanzata cultura tecnico-scientifica che si fonde con l’umanesimo, con la riscoperta dell’humanitas. Una scuola dove ragazze e ragazzi stanno bene e che fa proprio il messaggio con cui l’India ha appena celebrato  il 150° anniversario della nascita di Gandhi, il rivoluzionario non-violento:  kindness matters, la gentilezza è importante.

Il seminario si svolge in partenariato con INDIRE e la Fondazione per la scuolae con il contributo di EricksonZanichelli C2 Group.

Sono agevolate  le iscrizioni early bird effettuate  entro il 31/12/2019, mentre si ricorda che ogni  anno  le iscrizioni vengono chiuse anticipatamente per esaurimento dei posti.

Qui si può leggere: 1) la presentazione delle tre sessioni del seminario, 2) il programma dettagliato, 3) le informazioni sui singoli relatori, 4) le modalità di iscrizione. 

2) 3 DICEMBRE 2109  PUBBLICAZIONE DEI  RISULTATI PISA 2018

Il 3 dicembre 2019 saranno resi  pubblici i risultati della rilevazione PISA 2018, a cui hanno partecipato 80 Paesi tra cui l’Italia.

Delle tre competenze fondamentali-  lettura, matematica e scienze-  l’edizione 2018  ha avuto come dominio principale la competenza in Lettura .

PISA 2018 ci darà informazioni  anche sulle “competenze finanziarie” dei quindicenni e per la prima volta sulle loro “competenze globali”,quelle che consentano  di apprendere, lavorare e vivere in un mondo globalizzato.

E ancora avremo valutazioni sul “benessere degli studenti”,  sulle loro  competenze non cognitive e metacognitive, sul loro background, sui processi di insegnamento e apprendimento, sulle politiche e governance della scuola.

Continua a leggere

3)   LA CULTURA GLOBALE DELLA VALUTAZIONE STANDARDIZZATA

A cura di Tiziana Pedrizzi la traduzione sintetica e il commento del volume  The Global Testing Culture shaping education policy, perceptions, and practice, della collana  Symposium Books, Oxford studies in comparative education.
Questo testo  trae la sua significatività non tanto dalla attualità dei contributi , quanto dalla posizione che esprime  su ciò che viene indicata come  Global Testing Culture, Cultura globale della valutazione standardizzata,  oggi più che mai di attualità nel momento in cui stanno per essere pubblicati i risultati dell’8^ indagine PISA.
Il volume,  come tutta la collana cui appartiene, è frutto di un ambiente accademico inglese a forte  riferimento laburista, antiliberista e antiblairiano che ha nel passato espresso contrarietà e diffidenza nei confronti delle valutazioni standardizzate.
Passati oramai i decenni, la posizione è più variegata e possibilista.

Continua a leggere 

4)   L’ASIA COME METODO NEGLI STUDI SULL’EDUCAZIONE

E’ assai diffusa oggi la percezione del grande sviluppo economico dell’area dell’Est asiatico, ma molto meno quella del desiderio di riscossa che quest’area sta maturando in termini di cultura e di valori.
Non solo nel campo degli studi sociali  ma anche in quello della ricerca  educativa qualcosa si sta muovendo, come è dimostrato dal volume Asia as a method in education studies,  di cui Tiziana Pedrizzi  ha fatto un’ ampia sintesi in italiano e un significativo commento.
Attraverso questo volume scopriamo che il rapportarsi dei Paesi asiatici all’Occidente non è più in termini di subordinazione, ma neanche di opposizione nativista, come invece è stato per culture meno sofisticate di quelle dell’ oriente asiatico.

Continua a leggere

5) UE 2019- RELAZIONE  DI MONITORAGGIO SU ISTRUZIONE E  FORMAZIONE

La Commissione Europea ha recentemente pubblicato la  Relazione 2019 di monitoraggio del settore dell’istruzione e della formazione relativa ai 28 Paesi membri.
La relazione sull’Italia è una delle più aggiornate fra le varie analisi  prodotte a livello nazionale e internazionale e in molti casi prospetta, in modo implicito o esplicito, le soluzioni.
Qui si è scelto di mettere in rilievo e commentare le parti  che sono centrali per qualsiasi strategia di riforma, ma  la cui   soluzione è ancora lontanissima.
Esse riguardano:

• gli insegnanti

• gli investimenti (non solo il colpevole divario con la media degli altri Paesi europei, ma anche le incredibili sperequazioni nel loro utilizzo)

• l’istruzione e formazione professionale

• l’istruzione terziaria non accademica: ITS  e nuovi corsi di laurea professionalizzanti

• l’autonomia regionale differenziata nel campo dell’istruzione

  Continua a leggere 

6) CORSI DI FORMAZIONE ADI: VERSO UNA NUOVA EDUCAZIONE CIVICA…E  DIGITALE

In questi giorni ADi ha concluso una prima tornata di corsi di formazione, svolti nei mesi di settembre e ottobre, che  continueranno ad avere pratica applicazione nelle scuole nel corso di tutto l’anno scolastico.
E’ fonte di grande soddisfazione e orgoglio riportare il riconoscimento e la gratitudine dei colleghi con cui abbiamo insieme lavorato. Sentirci dire che il nostro approccio, la cura che mettiamo, i materiali che distribuiamo, sono abbastanza unici nel panorama italiano, ci sprona a fare di più e meglio.
La tipologia di corsi che offriamo si arricchisce via via di nuovi argomenti  fino a coprire l’intera gamma dei bisogni formativi.
Abbiamo  già approntato un corso di preparazione per lo svolgimento, il prossimo anno, dell’educazione civica. Un corso assolutamente innovativo, praticabile ed… efficacemente civic-minded!
Contestualmente è stato approntato e già sperimentato un corso altrettanto importante  di  Cittadinanza digitale: sicuri online. 

Leggi qui indicazioni dei corsi e modalità di richiederli

Facebook
Twitter
Google